“Memorie del nostro fugimento – Partire è un po’ morire”

Condividi su ...Share on Facebook1Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Silent Play: un’esperienza in prima persona dalla parte di chi fugge e di chi assiste
venerdì 12 Gennaio alle ore 18:00 e in replica alle ore 21:00
presso la Casa Accoglienza “S. Maria Goretti”, via Quarti, 11 – Andria

S’intitola “Memorie del nostro fugimento – Partire è un po’ morire” – prodotto da “La Piccionaia” Centro di Produzione Teatrale  di Vicenza in collaborazione con Festival Biblico e con il coordinamento artistico di Vincenzo Losito – l’evento che inaugura una serie di iniziative finalizzate a celebrare la “Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato”, promossa dall’Ufficio Migrantes della Diocesi di Andria.
Quali sono i segni, i gesti, gli oggetti che differenziano gli “altri” da “noi”? Alcune semplici domande portano gli spettatori al cuore della domanda per provare a dare nuovo significato al termine “spaesamento”.
Un gruppo di persone si riuniscono in uno spazio pubblico, guidate da una voce in cuffia: gli attori si muovono tra loro, distribuiscono oggetti e propongono ai partecipanti istruzioni, suggerimenti, spostamenti, movimenti e domande. Due storie parallele: per ogni storia, un “noi” e un “loro”: due mondi diversi, due modi diversi di ballare, di guardarsi, di alzarsi e sedersi. Due “bande sonore” che diventano due narrazioni destinate a confliggere. Lo spettatore diventa parte attiva e si trova a decidere personalmente se prendere posizione e reagire, oppure subire e adeguarsi.
Di seguito un’anteprima dell’evento: https://www.youtube.com/watch?v=qzfayVlAI54
“Memorie del nostro fugimento – Partire è un po’ morire” è uno spettacolo teatrale che nasce dalla lunga conoscenza di palcoscenico di Carlo Presotto e dalla sua altrettanto approfondita esperienza di conduzione di laboratori teatrali, che unita allo strumento della radioguida messo a punto nel progetto Silent Play propone una modalità innovativa di rapporto tra attori e spettatori, integrando azioni fisiche, voci registrate e colonna sonora.
Silent Play è, appunto, un progetto di drammaturgia dei luoghi, una vera e propria audio guida teatrale urbana interattiva. Una serie di itinerari da percorrere a piedi, per una piccola comunità in movimento condotta da un attore performer. La performance teatrale di venerdì 12 gennaio ’18 è aperta ad un massimo di 40 partecipanti. Due gli spettacoli in programma: uno alle ore 18:00 e l’altro alle ore 21:00. Obbligo di prenotazione al 320-4799462.

d.Geremia Acri e i volontari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi