Una soluzione al problema di discariche in contrada Tufarelle potrebbe venire dalla Regione

Una soluzione al problema di discariche in contrada Tufarelle potrebbe venire dalla Regione

Condividi su ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Una possibile soluzione all’annoso problema di contrada Tufarelle potrebbe venire, dalla introduzione nel redigendo piano regionale dei rifiuti, del “fattore  di pressione”. In pratica si tratta di inserire tra i criteri di localizzazione degli impianti per il trattamento dei rifiuti, o meglio delle discariche, un indice massimo di metri cubi di rifiuti abbancabili per kilometro quadrato, ad esempio,160 mila per la Regione Lombardia che lo ha inserito nel suo piano regionale al pari della Calabria. Ciò in sintesi, eviterebbe di creare delle situazioni di eccessivo carico ambientale in porzioni ridotte di territorio, così come accaduto alla nostra contrada Tufarelle, dove come sappiamo, insistono tre impianti di trattamento e stoccaggio di rifiuti con una quantità, ad oggi, di oltre 2 milioni di metri cubi, in una striscia di terra di circa 1 km quadrato. In ragione di queste considerazioni il nostro consigliere regionale Tony Trevisi ha presentato una mozione che impegna il Presidente e la Giunta Regionale ad inserire tale fattore nel piano regionale dei rifiuti e quindi a stabilirne il valore di soglia. Nelle prossime settimane la mozione dovrebbe essere calendarizzata, per essere discussa in Consiglio Regionale. L’auspicio è che le forze politiche del nostro territorio possano sostenere questa mozione che se approvata, potrebbe davvero mettere la parola fine alla localizzazione futura, di discariche in contrada Tufarelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi