Bollino di qualità alla Farmalabor per l’alternanza scuola-lavoro

Condividi su ...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

A gennaio 2019, l’azienda farmaceutica di Canosa di Puglia (Bat) Farmalabor ha ottenuto la prestigiosa certificazione BAQ (Bollino per l’Alternanza di Qualità), per i percorsi formativi di alternanza scuola-lavoro, progettati e verificati insieme alle istituzioni scolastiche convenzionate.

Il Bollino di Confindustria è assegnato alle imprese italiane che, sulla base di parametri qualitativi e quantitativi, sono riuscite ad avviare collaborazioni concretamente proficue tra sistema educativo nazionale e tessuto produttivo, creando le condizioni per migliorare l’occupabilità dei giovani.

Ad oggi, più di 200 studenti con background tecnico-scientifico hanno visitato l’azienda farmaceutica pugliese e sperimentato in prima persona come si sviluppa l’intero processo regolatorio e produttivo: dall’esecuzione di analisi chimiche di principi attivi e farmaceutici al confezionamento di packaging e attrezzatture, passando per la formulazione di farmaci orfani e la gestione di progetti di ricerca.

Una formazione di qualità – ha commentato il dott. Sergio Fontana, amministratore delegato Farmalabor – è il requisito essenziale per diventare un professionista nel nostro settore. Dare alle nuove generazioni l’opportunità di conoscere da vicino come opera un’azienda e come questa si proietta nel futuro è la chiave per rendere i nostri giovani più consapevoli e competitivi nel mercato del lavoro”.

Attraverso stage pratici e sessioni di approfondimento nel Centro Studi e Ricerche Farmalabor, i giovani sono stati accompagnati dai tutor aziendali nella costruzione del proprio futuro professionale, attraverso un’esperienza di apprendimento on-the-job.

“I ragazzi hanno svolto attività prevalentemente nel reparto Controllo Qualità dell’Officina Farmaceutica. Hanno affiancato le attività di approvazione di materie prime in ingresso, facendo prove di solubilità e perdita dell’essiccamento. Per quest’ultima attività hanno impiegato la termobilancia in comparazione alla determinazione mediante metodo classico”.

Oltre a fondamentali nozioni e metodologie di lavoro, durante queste esperienze nella Farmalabor i ragazzi hanno la possibilità di acquisire la conoscenza dell’utilizzo di macchinari specifici di alto livello, importanti per la loro crescita formativa e professionale, quali titolatori potenziometrici, spettrofotometro FT-IR, spettrofotometro NIR, spettrofotometro UV, bilancia analitica, vetreria da laboratorio e altri ancora.

Centro Studi e Ricerche Sergio Fontana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi