Trinitapoli, Ventola: atto intimidatorio ignobile! Vicino al vicesindaco Iannella

“L’Amministrazione di Trinitapoli non deve sentirsi sola! La mia vicinanza al vicesindaco Maria Iannella e al sindaco Francesco Di Feo non è solo a parole: abbiamo il dovere di non lasciare soli questi amministratori che vivono alle periferie dei grandi capoluoghi.

“A Trinitapoli non è la prima volta che con atti intimidatori criminali tentano di fermare la Giunta Di Feo: ora incendiando l’auto della moglie (gennaio 2017) ora la villetta a Margherita di Savoia (novembre 2016) del sindaco, ma l’atto della scorsa notte è però davvero grave: l’oltraggio dei defunti è davvero un atto ignobile, specie perché compiuto ai danni della cappella funebre di Maria Iannella, un medico di base che ha inteso interpretare il suo servizio ai cittadini anche come mettersi a disposizione della collettività! A maggior ragione dobbiamo incoraggiare Maria a non mollare!”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi