Valori e amore per la propria terra. La Murgia del nuovo romanzo di Rocco Carella

spalla-murgia
Condividi su ...Share on Facebook13Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Oggi la nostra Redazione è lieta di consigliare il romanzo “Spalla di Murgia” di Rocco Carella. Non si tratta di un libro che descrive usi, costumi e tradizioni del posto, ma porta all’attenzione un dibattito attuale e considerabile a livello globale. Troppo spesso il progresso tecnologico e gli interessi economici assumono una valenza talmente significativa, da mettere in pericolo tradizioni e paesaggi naturali. Oggi più che mai l’equilibrio tra uomo e natura è al centro del dibattito mondiale, e come ben sappiamo può determinare il futuro di ognuno di noi.

“Spalla di Murgia” racconta, attraverso l’uso di personaggi e sottotrame, il rischio di estinzione che ha corso il paesaggio naturale murgese negli anni Ottanta, portandoci a riflettere, oggi, su come le nostre scelte possono modificare ed influenzare il nostro futuro.

Ecco alcune parole dell’autore Rocco Carella.

“La storia è ambientata negli anni Ottanta, uno dei momenti storici più complicati per la Murgia di Nord-Ovest, quando i pascoli, vanto ed elemento peculiare del territorio e del paesaggio murgiano, nonché habitat di grande interesse per la biodiversità, hanno rischiato di essere cancellati da uno spietramento feroce. Dalla sensazione di angoscia (scolpita dentro di me anche se allora ero solo un ragazzino) provata tutte le volte che scorgervo appezzamenti, che fino alla domenica prima erano pascoli rigogliosi, inesorabilmente tramutati dallo spietramento in bianca e arida polvere di roccia, è scaturita questa storia. Ho voluto così parlare del rischio che si corre, per il paesaggio, per la cultura, per le vite di tutti noi, ogni volta che le fredde e spietate logiche del cinismo prendono il sopravvento. Così, nello scenario caro e amato della Murgia, ho raccontato questa storia in cui la popolazione sceglie romanticamente di puntare sulle reali risorse del territorio, lasciando presagire quanto di buono di lì a breve sarebbe avvenuto, l’istituzione di un’area protetta.”

Contatta l’autore:

Rocco Carella

Tel. 3278865622

roccocarella@yahoo.it 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi