Nel 2015, in Puglia, tiene il mercato immobiliare. La città con i “prezzi al mq” più alti è Bari

Nel 2015, in Puglia, tiene il mercato immobiliare. La città con i “prezzi al mq” più alti è Bari

Condividi su ...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Non ci vuole certo un esperto per comprendere che, per chi avesse le disponibilità, questo risulta il periodo più favorevole per acquistare casa. Il mercato immobiliare si mantiene basso e i tassi dei mutui non sono mai stati così favorevoli. Una congiuntura difficilmente ripetibile insomma. Diversi gli stranieri, e non solo, che negli ultimi anni hanno deciso di investire nel mercato immobiliare pugliese decidendo, ad esempio, di rilevare un vecchio casolare o ristrutturare un trullo.

La Puglia risulta essere la Regione che meno ha sofferto la crisi di questo settore, mentre in altre Regioni si privilegia ancora tenere i risparmi fermi su libretti e conto deposito, in attesa di tempi più favorevoli. I dati del 2015 parlano chiaro. Nonostante il nostro mercato immobiliare, lo scorso anno, abbia subito un calo del 5,1%, la Puglia ha registrato un calo, nei primi mesi del 2015, pari al 4,3%. E’, infatti, risalita, nel secondo trimestre, registrando una riduzione del 1,7%, fino a stabilizzarsi nell’ultimo trimestre con uno 0,9%.

Non è così, però, in tutta la regione. I costi per acquistare un’immobile cambiano da provincia a provincia. Bari è la città con i prezzi più alti: nell’ultimo periodo del 2015 la media del costo a metro quadrato è stata di circa 2.000 euro, mentre per Foggia tale media scende ad un prezzo al metro quadrato di circa 1.400 euro; a Lecce, la richiesta media al metro quadrato, è stata di circa 1.300 euro, per Taranto 1.100. A registrare il calo più basso è la città di Brindisi  scendendo solo del 2,2% rispetto all’anno precedente.

L’acquisto di una casa oggi sembra, inoltre, più semplice rispetto al passato. Potersi informare anche sul web rende tutto più semplice e trasparente. Si ha davvero il tempo di vagliare meglio le opportunità e approfondire alcuni aspetti. Molte banche offrono la possibilità di simulare la rata del mutuo online inserendo alcuni parametri. Ovviamente bisogna ricordare che oltre alla rata del mutuo vanno calcolate: la tassa del mutuo, le spese di istruttoria, le pratiche notarili, la perizia e le spese assicurative.

Conveniente, di questi tempi, acquistare immobili da ristrutturare. Sono stati, infatti, riattivati gli sgravi fiscali per recuperare il 50% dei costi di ristrutturazione nel corso dei successivi dieci anni. A questo proposito è possibile approfondire tali temi sottoscrivendo un abbonamento altroconsumo (dettagli su http://www.apprendistatoprovinciaroma.it/abbonamento-altroconsumo/). Diversi gli articoli informativi a difesa del consumatore che si trovasse a valutare l’opportunità di un mutuo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *