Le bellezze di Canosa in ascesa: boom di turisti durante le festività trascorse

Condividi su ...Share on Facebook48Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Un Natale dai grandi numeri per la Fondazione Archeologica Canosina: record di turisti durante le festività a Canosa di Puglia. Dal 8 dicembre fino al 7 gennaio oltre duemila visitatori, provenienti da tutta Italia e non solo (Bari, Polignano, Lecce, Biella, Altamura, Taranto, Fano, Catania, Roma, Milano, Firenze, Nola, Udine, Pescara, Cesenatico ecc.), hanno trascorso le loro giornate nella città dell’archeologia, segnando una crescita esponenziale sulla curva delle presenze.

Fautore del successo un calendario di attività variegato e coinvolgente, composto da diversificate passeggiate archeologiche, articolate su plurimi periodi storici che hanno segnato l’evoluzione dell’antica Canusium nell’arco del tempo.

Tra i tours più accattivanti, che hanno registrato un maggiore indice di affluenza, vi sono: “La città degli ipogei” e “La città di pietra e di marmo”. Il primo, ha permesso ai visitatori di immergersi nell’era preromana, dei principi della Daunia, attraverso gli svariati ipogei presenti sul territorio, fonte di ricchissimi ritrovamenti, tra cui ceramiche, ornamenti femminili e di guerrieri. Emblematico, sicuramente, l’Ipogeo Varrese, che ha accolto, in sole sei serate, oltre mille visitatori, i quali, incuriositi, hanno visitato il Museo archeologico di Palazzo Sinesi, custode del prezioso corredo della tomba. Il secondo tour, invece, ha permesso di rivivere l’epoca romana, ammirando le vestigia dei templi, le rinomate terme, la sontuosa domus, segno della potenza politica ed economica di Canusium nella florida età antoniana ed augustea.

Merito degli ottimi risultati, l’incessante e caparbio lavoro dei ragazzi della Fondazione Archeologica Canosina, promotori e realizzatori di un’ottima programmazione, sviluppata esclusivamente sulle proprie forze e passione per il territorio. Fondamentale, inoltre, la sinergia tra le locali associazioni, creatrici di varie attività che hanno rivitalizzato la città, fra queste il Comitato Presepe Vivente Canosa di Puglia, ideatore e realizzatore della rappresentazione religiosa, punto di forza del Natale canosino, anch’essa meta di migliaia di turisti.

Un bilancio più che positivo che alimenta l’operosità della FAC, sempre attenta alla tutela, alla valorizzazione delle aree archeologiche e alla promozione turistica del territorio economico. Ogni giorno, difatti, è possibile visitare i siti, prendendo contatto con il call center messo a disposizione dal Comune di Canosa di Puglia: 3338856300.

Ilenia Pontino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi