“Il dramma delle spose bambine” e la”Carta della bambina” aprono il nuovo anno sociale Fidapa a Canosa di Puglia

Condividi su ...Share on Facebook2Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

La Fidapa – sezione di Canosa di Puglia –  terra’ l’incontro inaugurale dell’ anno sociale sul tema “Il dramma delle spose bambine”, lunedi’ 15 ottobre, alle ore 18,30, presso l’Auditorium della Parrocchia di Santa Teresa.

Verra’ presentata contestualmente la “Carta della bambina”, documento unico nella cultura di genere, redatto dalla BPW Europa e ispirato alla Convenzione ONU dei Diritti del fanciullo del 1989.

Dopo i saluti della Presidente Rosa Anna Asselta, che spieghera’ la ratio della “Carta della bambina” e quelli di Don Vito Zinfollino, Direttore del Servizio di Pastorale giovanile diocesano, interverra’ Don Geremia Acri, Direttore dell’ Ufficio Migrantes di Andria,  a cui la citta’ di Canosa ha conferito il Premio Diomede 2018  per il suo impegno civile nel territorio pugliese.

L’ evento e’ stato previsto piu’ o meno in concomitanza con l’11 ottobre, “Giornata mondiale delle bambine e delle ragazze”, inaugurata dall’ Onu nel 2012, per sensibilizzare sulle violenze, sui soprusi, sulle violazioni dei diritti e delle liberta’ delle bambine nel mondo.

“Abbiamo scelto di trattare questa problematica – ha commentato la Presidente Fidapa – perche’ poco la si affronta, essendo molto delicata e spesso raccapricciante”.

”La Carta della bambina” ha come presupposto quello di tutelare le fanciulle fin dalla nascita – ha continuato la Dott.ssa Asselta – perche’ acquisiscano la consapevolezza dei loro diritti e imparino a contrastare la violenza e a lottare per la parita’, attraverso un percorso informativo ed educativo”.

“Le spose bambine – ha concluso – hanno bisogno di essere difese e liberate dalla imposizione di  quelle pratiche culturali che ne compromettono l’ equilibrio psico-fisico, come recita appunto l’ art.2 della Carta della bambina. Ed e’ per questo che ci preme parlarne”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi