Furto ai danni del Presepe Vivente di Canosa di Puglia

Un grave episodio si è verificato a Canosa di Puglia, ai danni del Presepe Vivente: nella giornata di ieri il materiale elettrico usato durante la manifestazione è stato sottratto dall’area presepiale.

Sconosciute sono le cause di questo gesto, ma ciò che si sa sicuramente è che questo avvenimento ha portato grande sconforto nei membri dell’associazione, che sui social hanno riversato la loro tristezza e rammarico.

“Il nostro Presepe Vivente è semplice, non ha fini di lucro, ma il solo scopo di creare un evento che appassioni ed emozioni, cercando di valorizzare il territorio e le nostre risorse. Non è facile organizzarlo, ce la mettiamo tutta, ma con ciò che abbiamo cerchiamo di fare del nostro meglio.”

“Rubare al Presepe” continua il Comitato “vuol dire rubare a sé stessi, al proprio territorio, alle proprie risorse e alle proprie possbilità”.

Con questo post gli organizzatori dell’evento tengono a denunciare la mancanza di onestà di chi ha compiuto questo orribile gesto, che va a minare non solo l’organizzazione, che ha avuto un danno patrimoniale non indifferente, ma anche il territorio e la stessa città di Canosa, colpita ad uno dei suoi più importanti eventi.

Il Presepe Vivente di Canosa di Puglia è da anni ormai un’istituzione, una delle manifestazioni principali del Natale canosino, che attrae moltissimi visitatori dalla Puglia e dalle regioni limitrofe.

Da anni il Comitato, che si occupa dell’organizzazione, si impegna costantemente per far sì che l’evento riesca nel migliore dei modi, investendo risorse e materiale, non con lo scopo di ricavare danaro, ma con la sola missione di ricreare la magia del Presepe, attraverso un numero nutrito di figuranti, su un territorio di notevole interesse archeologico e storico.

I loro numeri sono impressionanti e hanno portato grande prestigio alla città di Canosa e, ogni anno, la manifestazione migliora sempre di più, senza mai perdere colpi, anzi, guadagnando punti.

Nonostante ciò, purtroppo, siamo costretti ad assistere ancora a questi episodi di delinquenza a danni di chi vuole aiutare il paese a crescere e a migliorare, senza tenere conto di quanto ciò ci faccia male.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi